Non Suicidal Self-lnjury (NSSI) - Criteri diagnostici

Tratto da: American Psychiatric Association (2013). Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (5th edn) (DSM-5). Washington,DC: APA.

 

Criteri proposti

A. Nell'ultimo anno, l'individuo si è, per 5 o più giorni, provocato intenzionalmente danni alla superficie del corpo al fine probabilmente di causarne il sanguinamento, l’ecchimosi, o sentir dolore (ad esempio, tagliarsi, bruciarsi, colpirsi, sfregamento eccessivo della pelle), con l'aspettativa che la lesione porterà a danni fisici solo di lieve o moderata entità (cioè, non vi è alcun intento suicida).

 

Nota: L'assenza di intento suicida può esser dichiarato dal singolo o può essere dedotto dal ripetuto impegno del singolo in un comportamento che l'individuo sa, o ha imparato, non è suscettibile di provocare la morte.

B. L'individuo si impegna nel comportamento autolesionista con uno o più delle seguenti aspettative:

  1. Per ottenere sollievo da un sentimento o stato cognitivo negativo.
  2. Per risolvere una difficoltà interpersonale.
  3. Per indurre uno stato emotivo positivo.

Nota: Il sollievo o risposta desiderata è sperimentato durante o subito dopo l’atto, e l'individuo può mostrare modelli di comportamento che suggeriscono una dipendenza e il bisogno di ripetere l’atto.

C. L’autoferimento intenzionale è associato ad almeno uno dei seguenti:

  1. difficoltà interpersonali, sentimenti o pensieri negativi, come depressione, ansia, tensione, rabbia, angoscia generalizzata, o auto-critica, che si verificano nel periodo immediatamente precedente l'atto autolesionistico.
  2. Prima dell’atto autolesivo, un periodo di preoccupazione per il comportamento previsto, che è difficile da controllare.
  3. Pensieri autolesionistici si presentano frequentemente, anche quando non seguono agiti.

D. Il comportamento non è approvato socialmente (come nel caso di piercing, tatuaggi, parti di un rituale religioso o culturale) e non si limita a togliere una crosticina o mangiarsi le unghie.

E. Il comportamento o le sue conseguenze causano un disagio clinicamente significativo, interferenze interpersonali o scolastiche, o in altre aree importanti del funzionamento.

F. Il comportamento non si manifesta esclusivamente nel corso di episodi psicotici, delirio, intossicazione da sostanze, o astinenza. Negli individui con disturbi evolutivi, il comportamento non è parte di un modello di stereotipie ripetitive. Il comportamento non è meglio spiegato da un altro disturbo mentale o una condizione medica (ad esempio, psicotico, disturbo dello spettro autistico, ritardo mentale, sindrome di Lesch-Nyhan, stereotipie, disturbi del movimento con autolesionismo, tricotillomania, skin-picking).

 

Diagnosi differenziale

 

Disturbo di personalità borderline. Come indicato, NSSI è stato a lungo considerato come un "sintomo" del disturbo borderline di personalità, anche se valutazioni cliniche approfondite hanno trovato che la maggior parte degli individui con NSSI hanno sintomi che soddisfano anche i criteri per altre diagnosi, con i disturbi alimentari e da abuso di sostanze tra quelli particolarmente comuni. Storicamente, NSSI è stato considerato come patognomonico del disturbo borderline di personalità. Entrambe le condizioni sono associate a diverse altre diagnosi. Sebbene spesso associato, il disturbo borderline di personalità non sempre viene rilevato in individui con NSSI. Le due condizioni differiscono in diversi modi. Gli individui con disturbo di personalità borderline spesso manifestano comportamenti disturbati aggressivi ed ostili, mentre NSSI è più spesso associato a fasi di vicinanza, comportamenti collaborativi e relazioni positive. A un livello più fondamentale, ci sono differenze nel coinvolgimento di diversi sistemi di neurotrasmettitori, ma questi non compariranno dall'esame clinico.

Disturbo da comportamento suicida. La differenziazione tra NSSI e il disturbo da comportamento suicida si basa sia sull'obiettivo dichiarato del comportamento che è un desiderio di morire (disturbo del comportamento suicida) mentre, nel NSSI, è il provare sollievo, come descritto nei criteri. A seconda delle circostanze, gli individui possono fornire report di convenienza, e diversi studi riportano tassi elevati di false dichiarazioni negli intenti. Individui con una storia di frequenti episodi di autolesionismo hanno imparato che una ferita, seppur dolorosa, è nel breve termine meno dannosa. Poiché gli individui con NSSI possono commettere tentativi di suicidio o suicidarsi, è importante controllare la storia passata di comportamento suicidario e di ottenere informazioni da parte di terzi relativa a qualsiasi cambiamento recente nell’esposizione a stress e umore. Probabilità di intenti suicidi è stato associato con l'utilizzo di più metodi precedenti di autolesionismo.

In uno studio di follow-up di casi di "self harm" nei maschi trattati presso uno dei tanti centri di emergenza multipla nel Regno Unito, gli individui con NSSI erano significativamente più probabilità di commettere suicidio rispetto ad altri individui adolescenti trattati nella stessa struttura. Gli studi che hanno esaminato la relazione tra NSSI e disturbi del comportamento suicida sono limitati dall’essere retroattivi e non riescono ad ottenere informazioni sui metodi utilizzati durante precedenti "tentativi". Una percentuale significativa di coloro che si impegnano in NSSI hanno risposto positivamente alla domanda se si sono mai impegnati in auto-taglio (o loro mezzi di autolesionismo preferito), con l'intenzione a morire. E' ragionevole concludere che il NSSI, pur non presentando un alto rischio di suicidio, quando si manifesta per primo, è una forma particolarmente pericolosa di comportamento autodistruttivo.

Questa conclusione è supportata anche da uno studio multicentro di adolescenti depressi che avevano precedentemente omesso di rispondere ai farmaci antidepressivi, che ha rilevato che quelli con precedenti di NSSI non ha risposto alla terapia cognitivo-comportamentale, e da uno studio che ha trovato che nssi è un predittore di uso/abuso di sostanze.

 

Tricotillomania (hair-pulling disorder). La tricotillomania è un comportamento di ferimento limitato all'estrarre i propri capelli, più comunemente dal cuoio capelluto, oppure sopracciglia o ciglia. Il comportamento si verifica in "sessioni" che possono durare per ore. E 'più probabile che si verifichi nel corso di un periodo di relax o di distrazione. 

Autolesionismo stereotipato. L'autolesionismo stereotipato, il quale può includere sbattere la testa, mordersi, o colpirsi, è di solito associato con intensa concentrazione o in condizioni di bassa stimolazione esterna e può essere associata ad un ritardo evolutivo.

Disturbo da Escoriazione (skin-picking). Il disturbo da escoriazione si verifica principalmente nelle donne e di solito è rivolta allo strappo di una zona della pelle che l'individuo sente come sgradevole oppure una macchia, di solito sul viso o sul cuoio capelluto. Come nell'autolesionismo senza intento suicida, la raccolta è spesso preceduta da uno stimolo ed è vissuta come piacere, anche se l'individuo si rende conto che lui o lei sta danneggiando se stesso. Esso non è associato con l'uso di alcun utensile.

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

If you want a professional and reliable web hosting service, read this fatcow review and your search will end here.